IoStoConOriana
IoStoConOriana
  Menu Principale

  Articoli

  IoStoConOriana
Collaborate anche voi!

  Link sponsorizzati




  Link sponsorizzati

CLICCA QUI !
Advert Power - Scambio Bottoni 120x60!


Web Directory Italiana
sezione
Cultura / Societ�

sezione Servizi



Il nemico che non riconosciamo come tale
Lee Harris, intellettuale americano ha scritto:”Nemico è chi è disposto a morire per ucciderti. E anche se il nemico ha un motivo preciso per odiarci, è il suo non il nostro. Ci odia per i nostri errori non meno che per le nostre idee. Lui vede un mondo diverso da quello che vediamo noi e nel mondo che lui vede noi siamo i suoi nemici. Per noi è difficile capire questo, ma dobbiamo farlo se vogliamo comprendere cosa significa il concetto di nemico”.
Perché gli islamisti ci odiano così tanto? Qualsiasi cosa l’occidente abbia fatto al mondo arabo-islamico nei passati 200 anni non giustifica l’odio nei nostri confronti. Per l’islamista la nostra sola esistenza è fonte di odio. Vedendoci come suoi nemici ci costringe a vederlo come nostro nemico, ma qui sta il problema, in quanto noi occidentali e in particolare noi europei, non siamo più abituati a ragionare con la categoria “nemico”. E allora chi vuole la nostra distruzione non è un “nemico”, ma un amico di cui non ci siamo preoccupati a sufficienza e se ce l’ha con noi avrà i suoi motivi, razionali.
Se può essere vero che l’islam è una religione con grandi differenze regionali, il nocciolo essenziale rimane lo stesso, ovvero Maometto è l’ultimo profeta di Dio e il messaggio trasmessogli nel Corano è l’unica verità rivelata. Il sistema valoriale islamico si fonda su tre forme di disparità che hanno forgiato e forgiamo ancora adesso la cultura musulmana: il fedele è superiore all’infedele, il padrone allo schiavo, l’uomo alla donna. Derivate dal codice dell’Arabia di 14 secoli fa si contrappongono alla democrazia e alla tolleranza, metterle in discussione vuol dire mettere in discussione l’essenza stessa dell’islam, quindi democrazia e islam non sono congruenti, salvo modificare l’essenza del secondo in modo che aderisca al primo.
Maometto era maschio, dominatore, fedele ad Allah. Il potere schiacciante del primo islam in vari campi era la prova della superiorità del messaggio contenuto nell’islam. Come si spiega allora agli occhi di un islamista la superiorità economica, militare, tecnologica odierna dell’occidente miscredente? Semplice, tutto ciò è dovuto al fatto che i musulmani si sono allontanati dalla forma pura e tradizionale dell’islam e l’infedele ha sfruttato la scarsa religiosità dei musulmani. Ma perché è scomparsa la forma pura dell’islam predominante ai tempi di Maometto? Come può una forma superiore soccombere a una inferiore? Gli arabi rispondono con la teoria del complotto. La storia dell’islam è piena di congiure e complotti. E’ la stessa spiegazione che danno anche oggi: sono gli americani e il Mossad israeliano a compiere gli attentati per poi incolpare l’islam ed avere così la motivazione per perseguitarlo. A questo risentimento aggiungete Israele, ovvero un pugno di ebrei, persone di serie “B” agli occhi di un islamista in quanto hanno rifiutato il messaggio di Maometto, che è riuscito nel 1948 a sconfiggere gli eserciti arabi. Era, ed è ancora oggi, inconcepibile che Israele abbia potuto vincere senza l’intervento di forze diaboliche; infatti non a caso Khomeini descriveva l’America come il grande satana e Israele come il piccolo satana.
L’occidente ha il potere, ma la parità tra uomo e donna, l’essersi lasciato andare ai piaceri profani e la scarsa devozione a Dio l’ha corrotto e indebolito. L’occidente tenta anche di sedurre diabolicamente il fedele musulmano, vuole spingerlo a diventare come lui, un apostata, un debole, un decadente. Un peccato, l’apostasia, capitale nella cultura islamica: ecco perché l’occidente è il “nemico”. La cura dunque è più islam, e di quello puro, non meno islam o islam “moderato”, un ossimoro, una categoria inventata dall’ottimistico occidente.
L’uomo occidentale ha dimentico che esiste una categoria che si chiama “nemico”, l’uomo islamico no, il suo odio è più antico dell’impegno americano in medio oriente o della nascita di Israele, il suo odio si fonda su concetti islamici classici. Sempre citando Harris, ci sono due modi con cui le persone reagiscono al pericolo di essere viste come nemico: accettare l’ostilità e comportarsi di conseguenza, oppure negare. Ci sono infatti molti in Europa e in America convinti che siano state le nostre azioni passate a scatenate il loro odio, dunque un po' ce lo meritiamo, quindi basta cambiare il modo di agire per non essere più odiati dal mondo islamico. Altri invece, ritengono che i problemi che affliggono il mondo arabo sono solo in minima parte riconducibili ai misfatti occidentali avendo a che fare con circostanze specificatamente arabo-islamiche. Questi ultimi riconoscono nell’odio islamico una forma contemporanea di un qualcosa per il quale non esiste altra definizione se non quella del “male”, concetto comprensibile sia per i credenti che per gli atei (come definire gli assassini di massa del secolo scorso del nazismo e del comunismo se non come “male”?).
Molti ottimisti moderni dopo aver sotterrato per sempre il concetto di “nemico” che tanti danni ha prodotto in passato (guerre di religione che hanno devastato l’Europa, dopo l’illuminismo, dopo la rivoluzione francese, dopo due guerre mondiali) non sono disposti a dissotterrare nuovamente questo concetto e spiegano il mondo con categorie storico-politiche e socioeconomiche, ovvero ragionevoli; per lui è impensabile che la molla che spinge il nemico all’odio e all’azione sia l’irrazionalità, o se volete parafrasando la Arendt, la banalità del male, il male in quanto tale. Beh, forse è proprio vera l’espressione secondo la quale “il nemico non si può comprendere”. Piaccia o meno, un nuovo pensiero insopportabile si affaccia: noi occidentali abbiamo un nemico, vuole la nostra rovina, la nostra fine. Dopo le catastrofi del XX secolo è risorta una nuova ideologia che mira al potere mondiale e che per ottenerlo è disposta a distruggere tutto quello che l’occidente, con sforzi secolari, ha prodotto. Ed è allarmante vedere che l’occidente non riesce a trovare un accordo sul tipo di pericolo che ciò rappresenta. Noi pensiamo in termini di pensione, loro di secoli e secoli: quali figli domineranno la terra? Il culto del dubbio può condurre all’autodistruzione. Nella guerra tra fanatici e dubitaristi chi credete che vincerà? Consiglio per la lettura: Lee Harris, “The suicide of reason”.


Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Monday 31 October 2016 - 19:16:55
email to someone printer friendly
11 settembre 2001- 11 Settembre 2016: Oriana ha sempre ragione!
Sono passati 15 anni da quel terribile 11 settembre, per ricordarlo non vogliamo fare commenti, semplicemente citare quanto scriveva Oriana Fallaci in "La rabbia e l'orgoglio".

"Sbaglia, dunque, chi crede che la
Guerra Santa si sia conclusa nel novembre del
2001 cioè con la disgregazione del regime talebano
in Afghanistan. Sbaglia chi si consola con le immagini
delle donne che a Kabul non portano più il
burkah e a volto scoperto escono di casa, vanno di
nuovo dal dottore, vanno di nuovo a scuola, vanno
di nuovo dal parrucchiere. Sbaglia chi si accontenta
di vedere i loro mariti che dopo la disfatta dei
Talebani si levano la barba come, dopo la caduta di
Mussolini, gli italiani si levavano il distintivo fascista.
Sbaglia perché la barba ricresce e il burkah
si rimette: negli ultimi vent'anni l'Afghanistan
è stato un alternarsi di barbe rasate e ricresciute, di
burkah tolti e rimessi. Sbaglia perché gli attuali
vincitori pregano Allah quanto gli attuali sconfitti,
dagli attuali sconfitti non si distinguono in fondo
che per una questione di barba, (infatti le donne li
temono in uguale misura), e quasi ciò non bastasse
si litigano ferocemente tra loro alimentando il
caos e l'anarchia. Sbaglia perché tra i diciannove
kamikaze di New York e di Washington non c'era
nemmeno un afgano e ifuturi kamikaze hanno altri
luoghi per addestrarsi altre caverne per rifugiarsi.
Guarda la carta geografica: a sud dell'Afghanistan c'è
il Pakistan, a nord ci sono gli stati mussulmani dell'ex
Unione Sovietica, a ovest c'è l'Iran. Accanto all'Iran c'è
l'Iraq, accanto all'Iraq
c'è la Siria, accanto alla Siria c'è il Libano ormai
mussulmano. Accanto al Libano c'è la mussulmana
Giordania, accanto alla Giordania c'è l'ultramussulmana
Arabia Saudita, e al di là del Mar Rosso
c'è il continente africano con tutti i suoi paesi
mussulmani. Il suo Egitto e la sua Libia e la sua Somalia,
per incominciare. I suoi vecchi e i suoi giovani
che applaudono alla Guerra Santa. Sbaglia,
soprattutto, perché lo scontro tra noie loro non è
militare. È culturale, è religioso, e le nostre vittorie
militari non risolvono l'offensiva del terrorismo.
Anzi la incoraggiano, la inaspriscono, la moltiplicano.
Il peggio, per noi, deve ancora arrivare: ecco
la verità. E la verità non sta necessariamente nel
mezzo. A volte sta da una parte sola. Anche Salvemini
lo disse in quell'antífascist-meeting dell'Irving
Plaza."


Per chi non lo sapesse, Salvemini il 7 maggio 1933 parla all'Irving
Plaza su Hitler e su Mussolini. Sgolandosi dinanzi
a un pubblico che non lo capisce, ma lo capirà il
7 dicembre 1941 cioè il giorno in cui i giapponesi
alleati di Hitler e Mussolini bombarderanno Pearl
Harbor, sbraita: «Se restate inerti, se non ci date
una mano, prima o poi attaccheranno anche voi!».


Ebbene quel 11 settembre che pareva fosse destinato a colpire solo gli USA è stato solo l'inizio, poi è toccato nel 2004 alla Spagna, Madrid; nel 2005 a Londra; nel 2012 a Tolosa; nel 2013 a Londra;nel 2014 a Bruxelles; nel 2015 a Parigi, ripetutamente; nel 2016 a Bruxxelles; nel 2016 a Nizza. Quando toccherà a noi?

Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Sunday 11 September 2016 - 12:20:18
email to someone printer friendly
Tollerare gli intolleranti? No, grazie!
Era il 1685 quando John Locke scriveva “Lettere sulla tolleranza”; era il tentativo di una fondazione etica e politica della tolleranza, attraverso la definizione delle proprietà e dei diversi campi di influenza di Stato e Chiesa, di Religione e Società. Il libretto costituita un grande passo in avanti per l’epoca, tuttavia Locke riteneva che gli atei non dovevano essere tollerati, perché essi non potrebbero mantenere patti, promesse e giuramenti, che sono i vincoli della società umana. Anche la Chiesa cattolica romana non poteva essere tollerata perché, secondo Locke, “tutti quelli che entrano in tale Chiesa, devono, ipso facto, abbandonarsi alla tutela e al servizio di un altro principe”. Ciò si spiega con il fatto che si temeva che il cattolicesimo potesse prendere il sopravvento. Un passaggio che tengo è sottolineare è quello in cui Locke sostiene che l'unico modo che una Chiesa ha di guadagnare proseliti è la loro conversione attraverso la persuasione e non con la violenza. A distanza di alcuni secoli il quesito si ripropone: Che cosa è tollerabile? Esiste un limite alla tolleranza? Cosa uno Stato liberale di diritto non può e non deve tollerare?
Parafrasando Habermas: il fondamentalismo, o meglio le “culture fondamentalistiche ”. Tali culture, come reazione alla violenza della modernizzazione, rappresentano un impulso di rinnovamento tipicamente moderno. Questo è ciò che Habermas chiama il paradosso del fondamentalismo che, volendo restaurare l’antico (la tradizione “pura” e “vera”), nei fatti rappresenta un movimento tipicamente moderno. Tutte le religioni mondiali, continua Habermas, hanno prodotto i loro fondamentalismi, anche se non tutte le sette sono fondamentaliste. Comunque quello che è impossibile realizzare con i fondamentalisti è la possibilità di un dialogo paritario: tali visioni radicali sono, per loro natura, incapaci di riflettere sul rapporto che le collega alle altre visioni della vita e del bene, non ammettono nessuno spazio al dissenso interno, sono quindi intolleranti. Ed è proprio questa intolleranza ad essere intollerabile poiché la convivenza, equiparata giuridicamente, di diversi stili di vita, presuppone che le diverse appartenenze culturali si rispettino e riconoscano reciprocamente.
Uno Stato di diritto può creare le condizioni affinchè una cultura si riproduca e si conservi, ma l’individuo deve essere lasciato libero di scegliere: cioè deve poter dire sì o no ad una data cultura, anche a quella di appartenenza. Quindi, per noi è normale e legittimo che un “occidentale” abbracci una cultura e una religione diversa da quella da cui proviene; non altrettanto dicasi per l’islam, di fondo intollerante, che non permette altrettanto impedendo la messa in discussione di ruoli e sistemi. Non solo, ma esige, pretende in modo arrogante di essere tollerato là dove esso stesso si dimostra intollerante.
Da un punto di vista teorico poi, il modello islamico implica la subordinazione del diritto alla religione: le norme traggono la propria forza dalla parola di Dio, rivelata nel Corano e dai detti e fatti ( Hadit e Sira, cioè la biografia del Profeta, che costituiscono la Sunna cioè la tradizione) di Maometto che insieme indicano la Sharia, Via rivelata da seguire.
Possiamo appellarci alle più disparate teorie sociologiche per concludere che non è con l’intollerare gli intolleranti che si debella l’intolleranza in quanto tali intolleranti si sentiranno sempre più intollerati nel loro diritto ad essere intolleranti e quindi saranno, giustamente, sempre più incazzati, poverini. Sarà, ma dal mio ristretto punto di vista sono qui a dire che di certo tollerare gli intolleranti non farà altro che aumentare il loro diritto ad essere intolleranti; mi dispiace, ma io rivendico il mio diritto a non essere tollerante con gli intolleranti, sempre. Fate voi.

Mastro Cecco

Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Tuesday 23 August 2016 - 18:20:03
email to someone printer friendly
Islamofobia
Tutti noi occidentali, chi più chi meno, a detta delle solite cicale benpensanti, soffriamo di una pericolosissima sindrome chiamata “islamofobia”, lo psicoreato del futuro totalitario. Ce lo siamo sentiti dire spesso, dieri quotidianamente non appena osiamo alzare la testa e puntare il dito verso l’islam. Già il termine è inappropriato e palesemente inesatto. Infatti, per fobia s’intende “un disturbo psichico consistente in una paura angosciosa destata da una determinata situazione, dalla vista di un oggetto o da una semplice rappresentazione mentale, che pur essendo riconosciuta come irragionevole non può essere dominata e obbliga a un comportamento, inteso, di solito, a evitare o a mascherare la situazione paventata” (voc. Treccani). Quindi, avere una fobia, vuol dire temere qualcosa in modo del tutto irrazionale, senza un motivo oggettivo che la giustifichi, ad esempio, l’agorafobia è una paura incontrollata e irrazionale degli spazi aperti; chi ne soffre lo sa bene che una grande piazza non potrà fare nulla di male, eppure non riuscirà ad attraversarla. Lo stesso dicasi per la claustrofobia, paura irrazionale degli spazi/luoghi chiusi, o l’ereutofobia, la paura ossessiva e irrazionale di arrossire. Siamo quindi nel campo dell’irrazionale.
Viceversa, la paura è un’emozione primaria che ha come obiettivo la sopravvivenza, ce l’hanno gli umani e gli animali. Tale emozione si può apprendere; ad esempio, se passeggiando in un parco vengo morso da un cane che passa e sfugge al guinzaglio del padrone, ogni volta che mi imbatterò in un cane potrò avere paura, la mia attenzione aumenterà e cercherò di girarci alla larga. Quindi avere paura è un qualcosa di molto razionale e, sottolineo, funzionale all’esistenza, conseguente di un qualcosa di oggettivo.
Ora, facendo riferimento solo all’Isis, Le Monde ha recensito 83 attentati ed esecuzioni di ostaggi commessi dall’organizzazione e dalle sue diverse “filiali” in tutto il mondo dal giugno 2014, data di proclamazione del “califfato” da parte dell’Is.
Al di là delle operazioni militari convenzionali contro eserciti in guerra e delle esecuzioni punitive o etniche in Iraq e Siria, l’Is e i gruppi affiliati hanno provocato la morte di oltre 1.600 persone nel mondo, se si sommano gli attentati commessi al di fuori del suo territorio e le esecuzioni di ostaggi, perlopiù avvenute nel deserto tra la Siria e l’Iraq.
Dopo l'11 settembre 2001, l'Europa è stata colpita più volte da sanguinosi attentati terroristici, tutti di matrice islamica. Ecco in breve l'elenco dei più significativi.
11 marzo 2004. Una decina di bombe vengono posizionate nelle stazioni ferroviarie di Atocha, El Pozo e Santa Eugenia intorno a Madrid. Perdono la vita 191 persone.
7 luglio 2005. I trasporti pubblici di Londra sono sotto attacco: quattro kamikaze si fanno esplodere nell'ora di punta in tre diverse stazioni e su un autobus a due piani. Il bilancio è di 56 morti e 700 feriti. L'attentato è rivendicato da Al Qaida.
2 novembre 2011. Gli uffici della redazione di Charlie Hebdo a Parigi sono distrutti da una bomba molotov dopo la pubblicazione di una vignetta satirica sul profeta Maometto, nessun ferito.
11-19 marzo 2012. Un uomo armato che afferma di avere legami con Al Qaida uccide tre studenti ebrei, un rabbino e tre militari a Tolosa, nel sud della Francia.
22 maggio 2013. Due estremisti di Al Qaeda uccidono a colpi di machete un soldato di 24 anni reduce dell’Afghanistan a Londra.

24 maggio 2014. Quattro persone vengono uccise al museo ebraico di Bruxelles per mano di un uomo armato di kalashnikov legato al gruppo terroristico dello Stato islamico in Siria.
7 gennaio 2015. Alcuni uomini armati aprono il fuoco nella redazione del settimanale satirico francese Charlie Hebdo a Parigi, “colpevole” di aver pubblicato una vignetta che ridicolizzava Maometto. Dodici persone perdono la vita e dieci restano ferite.
9 gennaio 2015. Un complice degli attentatori nella redazione di Charlie Hebdo spara in un supermercato kosher a Dammartin-en-Gole. Muoiono quattro perone e nel blitz della polizia, alcune ore dopo, lo stesso aggressore.
13 novembre 2015. Parigi viene colpita da una serie di attacchi senza precedenti. I terroristi si fanno esplodere in sei diverse zone della città, tra cui la sala concerti del Bataclan in cui si registra il più alto numero di vittime. Il bilancio finale sarà di 129 morti e 350 feriti. Il giorno successivo l'Isis rivendica l'attacco.
22 marzo 2016. Bruxxelles, all’aeroporto e alla fermata della metropolitana terroristi islamici si fanno esplodere. Bilancio 32 morti.
14 luglio. Nizza, un camion guidato da un terrorista islamica fa 84 morti.
Eh no cari miei, io non soffro di nessuna fobia, io semplicemente, tengo alla mia sopravvivenza e ho paura dell’islam perché l’islam ammazza semplicemente perché considera gli altri infedeli e quindi diversi, pertanto guardo con sospetto la moschea accanto a casa mia, non mi sento sicuro quando attraverso quartieri a maggioranza islamica, mi guardo intorno alla ricerca di uomini con caratteri mediorientali quando sono in aeroporto, non vado in paesi arabi a rischio, ecc. ecc.
No care le mie “cicale benpensanti” come le chiamava Oriana, non sono io a soffrire di una sindrome irrazionale nei confronti dell’islam, è l’islam attraverso i suoi fedeli e seguaci che mette bombe, ammazza, mira a conquistare il mondo (perché così c’è scritto nel corano) con le buone o con le cattive. Non tutti i musulmani sono terroristi, ma tutti i terroristi sono musulmani ed io non ho le possibilità reali di poter discriminare tra chi vuole ammazzarmi e chi no. Ergo, per una questione di sopravvivenza, empiricamente sono portato a fare di tutta l’erba un fascio; spetta ai musulmani non violenti mettere a tacere, eliminare o che dir si voglia i musulmani violenti, e fintanto che questo non accadrà, fino a quando l’islam non sarà diventata una religione “normale” io mi avvalgo della facoltà di avere paura ed auspico, aimè spesso invano, che sia fatto tutto il possibile affinchè i seguaci di tale religione siano messi in condizione di non nuocere.




Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Wednesday 20 July 2016 - 10:52:01
email to someone printer friendly
Israele: brevi appunti di viaggio
A sentire parlare di Israele dai media si rischia di avere l’impressione di un paese in costante lotta, dove vivere è molto difficile, andarvi una sfida alla buona sorte con annessa voglia di cacciarsi nei guai a tutti i costi. Questa è stata esattamente la reazione di quelli a cui dissi che sarei andato in Israele; i più benevoli mi diedero del coraggioso, i meno benevoli del pazzo. Ebbene, dopo un po’ di giorni di permanenza in Israele posso dire che il sentire comune a riguardo si nutre di stereotipi e pregiudizi conditi da una colossale dose di ignoranza.
Tel Aviv è una città splendida, moderna, pur conservando una miriade di elementi che ricordano il passato, godereccia, piena di vita, una città che non dorme mai. Alle sette del mattino trovi gente sul lungo mare che va in bici, fa joggin, passeggia, legge il giornale sulle panchine. Inoltrandosi poi nei vari quartieri, Sarona è uno di questi che cito come esempio, ci si trova locali di ogni tipo: ristoranti, negozi, pub, gelaterie, e gente di ogni tipo, dai giovani ai più anziani, dai turisti ai soldati e soldatesse che appaiono quasi spensierati pur portando a tracollo il mitra, e tutti accumunati dalla gioia di vivere. Parlano, ridono, scherzano, mangiano, bevono, fanno la spesa, leggono, come si fa in una qualsiasi città europea. Camminando per le vie non ho mai avvertito tra la gente il benché minimo segno di paura ed io stesso non ho mai sentito la necessità di guardarmi alle spalle o di tenere la mano sul portafogli, sensazione che mi capita ogni volta che vado a Milano.
Ma Israele non è solo gioia di vivere, è anche coesistere con chi vuole distruggerti. Il viaggio mi ha portato a Ashkelon, cittadina a undici km da Gaza. Lì c’è l’Ospedale Barzilai dove ho parlato con il vicedirettore laureatosi a Bologna e quindi grato all’Italia per quanto gli ha dato. Ha snocciolato una serie di dati impressionanti, ovvero il numeri dei missili che ogni anno piovono sulla città minacciando anche l’ospedale; si va da un minimo di 300 circa a oltre 3.000 nell’anno in cui Hamas vinse le elezioni a Gaza. Lungo i corridoi, a fare da ornamento e a esorcizzare la cosa, ho visto resti di missili accartocciati e piovuti in un passato recente sulla cittadina. Eppure in quell’ospedale si curano tutti senza fare distinzioni, ebrei, cristiani, musulmani, anche pazienti provenienti da Gaza. Lì lavorano una quindicina di medici “palestinesi” con l’obiettivo, una volta formatisi, di ritornare a Gaza. Il vicedirettore abita a 500 metri in linea d’aria da Gaza, in un Moshav di circa duecento famiglie. Ci sono stato. Per entrare bisogna superare un check point dell’esercito; una volta nell’area sono stato accolto dalla responsabile del Moshav che mi ha mostrato la barriera difensiva che li separa da Gaza; a poche centinaia di metri, sotto dei cespugli stava l’ultimo tunnel scavato dai terroristi per penetrare in territorio israeliano con l’obiettivo o di uccidere qualche abitante o di rapire qualche soldato come già avvenuto in passato. Ho incontrato una pattuglia di soldati e parlato con loro; mediamente hanno vent’anni e sono fieri di servire il loro paese. Nessuno si lamenta, nessuno crede che passare tre anni sotto l’esercito sia tempo perso o sprecato, è un dovere farlo, punto. Girando all’interno del Moshav (una specie di cooperativa agricola per intenderci), si notano tre cose: ogni casa ha un rifugio antimissile; alla fermata dell’autobus che passa a prendere i bambini per portarli a scuola c’è un rifugio antimissile; accanto all’area giochi dei bambini, c’è un rifugio antimissile. Tutti, grandi e piccoli, sanno che al suono della sirena hanno tra gli 11 e i 15 secondi per mettersi al riparo. Alla mia domanda: ”Ma come fate a vivere così?” la risposta è stata: ”Ma questo è solo il 5% della nostra vita, per il restante 95% mangiamo, lavoriamo, dormiamo, ci divertiamo, facciamo l’amore, in una parola viviamo esattamente come voi.”
Molto interessante anche l’incontro con il tenete colonnello dell’Unità Cogat (Coordinamento attività di governo nei territori). Questa unità si occupa di tutti quei progetti che possono essere portati avanti e utili ai cittadini di Gaza, perché una distinzione fondamentale che fanno sempre è quella tra Hamas che è un gruppo di terroristi e gli abitanti di Gaza, ovvero i civili. Il Cogat pensa che se aiutano gli abitanti di Gaza a stare un po’ meglio, questi saranno meno propensi ad compiere atti terroristici contro Israele. Una posizione di buon senso, ma forse più una speranza che un dato concreto. Per questo motivo, Israele fornisce circa il 50% del fabbisogno di acqua a Gaza e oltre il 30% di energia elettrice, nonostante Hamas da un anno e mezzo non paghi la bolletta (alla faccia degli aiuti internazionali che dovrebbero servire a questo).
Ad Akko invece, ho incontrato Jonathan, un giovane arabo cristiano di origine libanese, rifugiato politico in Israele con la famiglia quando lui aveva 9 anni, ora ne ha 25. Oggi è portavoce dei diritti LGBT dei cristiani arabi. Mi ha raccontato la sua storia, la fuga dal Libano al termine della guerra civile, la sua venuta in Israele, paese a cui è grato per averlo accolto. Israele è l’unico paese del Medio oriente dove un gay può vivere tranquillamente, far parte di un’associazione, battersi per i diritti di quei gay di origine araba che hanno paura a mostrarsi. Nell’islam, infatti, non c’è posto per un gay o una lesbica, si rischia la condanna a morte o la morte civile. Ad Akko, cittadina israeliana in cui la popolazione è al 90% araba e musulmana, lui fa questo: dare aiuto e sostegno ai gay arabi e musulmani.
Salire sulle alture del Golan e sul monte Bental in particolare, ti fa capire il legame stretto che c’è tra la sicurezza di un paese e la geografia. Da lì si domina tutta la valle sottostante, ovvero Israele. Lasciare il Golan rappresenterebbe per Israele un grave pericolo; già in passato nella guerra del ’67 la Siria l’attaccò da quelle alture, ora che la situazione in Siria è difficile e complessa e che una parte del suo territorio è controllato dall’Isis, tenere quelle alture è ancora più strategico.
A Gerusalemme ho incontrato Gilad Segal di NGO Monitor, la più importante organizzazione israeliana che si occupa di Bds (boicottaggio, disinvestimento, sanzioni). E’ incredibile come un fiume di denaro proveniente anche dall’Europa finisca nelle mani di molte NGO che li usano per discriminare Israele, l’unica democrazia dell’intera zona Mediorientale.
Gerusalemme ha sempre un fascino particolare; camminare nella città vecchia è come attraversare millenni di storia e c’è da stupirsi come convivano arabi, cristiani, ebrei, armeni, forse perché ci pensa Israele a mantenere sotto controllo la situazione. Non dimentichiamo che lo statuto di Hamas prevede come obiettivo politico/religioso la distruzione di Israele e la cacciata degli ebrei, ma c’è da credere che se lì comandassero loro sarebbero in grave difficoltà anche le altre comunità non musulmane. Per fare la pace bisogna essere sempre in due a volerlo, se uno dei due persegue la distruzione dell’altro, la pace sarà impossibile.
Israele non è un paese monolitico. Al suo interno troviamo di tutto: ci sono gli ortodossi, gli ultra ortodossi (una parte di loro pensa che lo stato di Israele non dovrebbe esistere perché questo impedisce la venuta del Messia), i tradizionalisti, i nazionalisti, gli arabi israeliani e i laici. Metterli d’accordo tutti è impossibile, ma Israele rimane l’unica vera democrazia della zona pur con i limiti e le contraddizioni che una democrazia inevitabilmente mostra.
Quello che mi porto via da questo viaggio è la sensazione di un paese che non chiede altro che di poter vivere in pace, e che pur trovandosi costantemente minacciato a nord dalla Siria o da ciò che ne rimane (non scordiamoci l’Isisi) e dagli Hezbollah libanesi, (il partito di Dio) il gruppo terroristico sciita finanziato dall’Iran, a est dai palestinesi della Cisgiordania, a sud da Hamas nella striscia di Gaza, non vuole rassegnarsi e vuole vivere, vivere, vivere, semplicemente questo. Consiglio: l’unico modo per capire che cosa sia davvero Israele è andarci.


Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Wednesday 13 April 2016 - 22:21:25
email to someone printer friendly
I pensieri di Ida Magli su Europa, Islam, Immigrazione
Magli è deceduta ieri, domenica 21 febbraio, nella sua casa di Roma. Rinnegata femminista, polemista antieuropeista, convinta antislamista, Magli “viveva con un pugno di riso”, ha ricordato Guerri sul Giornale. Diplomata in pianoforte al conservatorio di Santa Cecilia, l’antropologa ha vissuto in una continua “fuga bachiana”. Docente universitaria, abbandona l’insegnamento perché contraria all’esclusività femminile di questo impiego. Firma delle pagine dell’Espresso e di Repubblica, lascia i “giornali della intellighentia pur non avendo alternative, senza essersi assicurata altre collaborazioni, per protesta contro la mancata pubblicazione di alcuni articoli”, sempre secondo Guerri. Magli quindi approda al Giornale anche se “mal sopportava che le si appiccicasse l’etichetta di destrorsa, pur sapendo di vivere in una gigantesca fabbrica di etichette”.

Dunque Islam, Europa e immigrazione. La parola a Ida Magli.


ISLAM

“Dobbiamo limitare l’ingresso in Italia ai musulmani, oppure l’Italia sarà perduta. Dobbiamo difendere la nostra libertà di pensiero, le conquiste delle donne, dobbiamo ricordare la fatica che abbiamo fatto per difendere i nostri diritti: ma come, abbiamo appena cominciato ad emanciparci dai nostri veli, dalle nostre velette, e ammettiamo che si torni indietro di secoli”, scriveva Magli nel 2006, tra le pagine di Gesù di Nazaret. “L’unica vera battaglia in atto nel mondo è quella dei credenti musulmani nei confronti di tutte le altre società, battaglia ovunque vittoriosa perché i popoli aggrediti o si sottomettono o scappano. L’islamismo è conquista” perché, secondo Magli, “il cosiddetto dialogo interreligioso è un fatto da tavolino, di spirito tipicamente occidentale” che quindi non può cambiare il modo di vivere musulmano “regolato dai precetti dettati dal Corano, che impregneranno l’ambiente europeo”.

E da qui l’angoscia nata ben prima dei fatti di Parigi: “Per quanto tranquille possano essere oggi le comunità musulmane esistenti in Francia (così come in Spagna, in Italia, in Germania), verrà il momento in cui, mano a mano che le presenze musulmane diventeranno non soltanto molto numerose, ma consapevoli del loro essere vincenti, l’Occidente sarà costretto a risvegliarsi dalla sua stupida neghittosità e si accorgerà, ma sarà troppo tardi, di trovarsi sotto il piede islamico”.

“L’Italia è perduta. L’Europa, con tutta la sua storia, la sua cultura, il suo pensiero, i suoi poeti, i suoi scrittori, la sua arte, la sua musica, i suoi figli, è perduta. Sono perdute – scriveva Magli nel saggio Contro l’Europa, pubblicato 17 anni fa – perché questa era la meta che si erano prefissi coloro che hanno progettato l’Unione europea. Distruggere l’Occidente affinché si realizzasse sulla nostra terra lo scontro e la vittoria (vittoria sicurissima) dell’Oriente musulmano contro l’America”. Ma l’antropologa era inquietata non solo dalla questione islam-Europa, e da quella “intrinseca necessità di conquista che sottende il musulmanesimo”; il rapporto Italia-Unione Europa era, forse, ancor più grave.

EUROPA

“Aprirai un conto corrente. È questo l’undicesimo comandamento; non avrai altro Dio all’infuori di me… Andrai nella tua banca ogni mattina, che è la tua chiesa, e quei pochi soldini li verserai lì, così che il governo possa controllare se davvero li adoperi soltanto per mangiare”, si legge su Dopo l’Occidente, pubblicato 2012, ma l’antropologa iniziò la sua battaglia contro l’Unione Europea quasi 10 anni prima, “all’inizio degli anni Novanta, battendosi quasi da sola, mentre tutti la sbeffeggiavano per questo, prima di cominciare a rendersi conto delle sue molte ragioni”, ricorda Guerri.

“La moneta unica è fallita perché non poteva non fallire in quanto strumento di un’Europa che non esiste e che non può esistere – scriveva Magli su Italianiliberi.it – L’Ue non è uno Stato, il parlamento europeo è un finto parlamento in quanto rappresenta uno Stato che non esiste e difatti non legifera se non marginalmente. Le decisioni, come è noto, le prende la Banca Centrale europea, il Consiglio o, a piacere, la Merkel insieme a Hollande. Tutto è “finzione” di ciò che è stato costruito sotto il nome di Unione europea, ma la finzione era indispensabile, sia perché unificare politicamente le nazioni più progredite del pianeta era (e rimane) un’idea assurda, sia per soddisfare i politici dei vari Stati i quali possiedono così una miriade di poltrone, di stipendi, di benefici e il gusto della grandeur: Alto Rappresentante, ecc. ecc., non vi fa ridere?”. Ma a chi si chiede se Magli credesse davvero possibile l’uscita dall’euro, lei, oggi, risponderebbe così: “Non c’è nessuna speranza di poter abbandonare l’euro o uscire dall’Europa perché, appunto, ai politici non conviene, non intendono farlo, e hanno anche paura dei poteri massonici di Bruxelles. Non mi sembra che dica esplicitamente di uscire dall’Europa neanche la Lega e comunque non avrebbe la maggioranza per poterlo ottenere. Dei referendum proposti da Grillo è inutile parlare: sono promesse al vento e per giunta in malafede. Non mi sembra che abbiano cambiato la Costituzione che lo vieta in materia di politica estera e fiscale, quindi il referendum non si può fare”.

IMMIGRAZIONE

I pensieri di Magli sull’immigrazione erano altrettanto duri. Come si legge nelle le pagine di Dopo l’Occidente “il politicamente corretto costituisce la forma più radicale di lavaggio del cervello che i governanti abbiano mai imposto ai propri sudditi”. Nel 2008 Ida Magli affermava: “I «confini» esistono e sono sempre esistiti, in ogni tempo e in ogni luogo, perché delimitano la sacralità dello spazio nel quale vive un determinato gruppo di uomini. Chi non sa che si deve mettere i piedi in un solco d’acqua per attraversare il confine di alcuni stati? L’acqua segnala appunto la necessità di una purificazione per entrare nel territorio altrui. Ma anche il «tappetino» davanti alla porta di casa segnala, sotto la debole razionalizzazione del pulirsi le scarpe, la sacralità del nostro territorio”. E sulla crescita del numero degli sbarchi e quindi del numero di immigrati in Italia, scrive: “La presenza sempre più massiccia di tanti popoli stranieri, portatori di ‘distanze’ , di ‘toni di voce’, di mimiche molto differenti da quelle italiane e percepite da ognuno nei significati della rispettiva lingua come ‘aggressive’, ‘offensive’, ‘sprezzanti’, ‘pericolose’, ‘fredde’, ‘prive di rispetto’ eccetera, ha contribuito, nella forma più silenziosa e nascosta, al dubbio, all’incertezza, allo sgretolarsi della fiducia in se stessi, e nella propria civiltà da parte dei cittadini europei”.

Eppure, per l’antropologa, un motivo di speranza c’era: “Questa è la grandezza degli italiani: aver continuato a pensare sempre, a creare sempre, perché soltanto l’intelligenza sa di essere libera, quali che siano le coercizioni esteriori. Sa che la grandezza dell’Uomo è nel pensiero, e sa che c’è sempre almeno un altro uomo che lo afferra e lo trasmette”.


Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Saturday 21 November 2015 - 10:09:42
email to someone printer friendly
Non amo la Costituzione Italiana
Non amo la Costituzione Italiana. Mi scuso. Lo so è grave. Una persona perbene, chiunque aspiri ad appartenere alla società civile deve amare la costituzione . Io faccio parte di quella incivile, e non c’è niente da fare.
La costituzione italiana è stata scritta da post fascisti e aspiranti comunisti. Non è un’ingiuria: è una realtà cronologica. L’Italia era appena uscita da 20 anni di fascismo: un architetto che viva per venti anni in un luogo dove i grattacieli siano vietati, i grattacieli non li sa fare. E poi c’erano quelli che volevano consegnarci all’URSS. Quindi diamoci una calmata sulla bellezza della costituzione italiana, che ci ha regalato decenni di ingovernabilità assoluta e tassi di corruzione da paralisi: gli alberi si giudicano dai frutti.
La frase: la costituzione italiana è bellissima anche se lo stato italiano fondato su quella costituzione non funziona, è una frase che contiene una contraddizione plateale.
L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro è una frase di un’idiozia sconvolgente. Da quando abbiamo smesso di essere cacciatori/raccoglitori, tutte le società umane sono fondate sul lavoro. Era fondata sul lavoro la Russia di Ivan il Terribile, l’Unione Sovietica di Stalin e ovviamente in Terzo Reich del camerata Hitler che sulla raccomandazione al lavoro aveva anche istituito appositi campi.
Una nazione decente, una nazione per cui valga la pena di combattere e morire, deve essere basata sui diritti inalienabili del cittadino. La nostra costituzione non li menziona e non li protegge.
Il diritto ad avere una terra, che nessuno possa invadere.
Il diritto ad avere una casa e il dovere di proteggere quella casa e coloro che vi stanno dormendo. L’uomo che ha ucciso chi si è introdotto nella sua casa il malfattore che vi si era introdotto con due complici, aveva il dovere di sparare, non il diritto, il dovere. In quella casa dormivano sua moglie, suo figlio e sua nuora Se lui non avesse sparato si sarebbe reso corresponsabile di tutte le violenze che i tre avessero commesso contro i suoi familiari.
Il diritto inalienabile alla giustizia. Il diritto inalienabile che la mia vita e i miei beni non siano all’arbitrio assoluto del magistrato di turno, che può annientare la mia esistenza, ridurmi sul lastrico, condannarmi ad anni di carcere in prigioni che la presenza dei stranieri rende particolarmente invivibili, senza rispondere mai di nulla.
Voglio una costituzione che riconosca la mia dignità di cittadino.

Silvana De Mari

Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Friday 11 September 2015 - 15:45:41
email to someone printer friendly
Muticulturalismo
Il multiculturalismo è il contrario dell’integrazione. Nell’integrazione le persone immigrate si adeguano e si integrano alla cultura che li accoglie, che verrà modificata nella sue parti più esterne, diventando più variopinta, ma non deve essere toccata nella sua struttura. Nel multiculturalismo culture diverse stanno una di fianco all’altra senza possibile integrazione, ognuna rinchiusa nel suo rancore e nel suo vittimismo, senza integrazione. Dove non c’è integrazione il fenomeno non è migratorio, ma si tratta di un’invasione. Il popolo di accoglienza sta perdendo la sua cultura.
La cultura dell’Europa è la cultura:
1- la cultura che afferma la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo, senza nessuna possibile accezione e deroga.
2- la cultura che afferma la parità giuridica tra uomo e donna, dove quindi sia impensabile che il diritto di famiglia delle famiglie musulmane sia giudicato in maniera differente da quelle non musulmane, come sta attualmente avvenendo nella multiculturale Gran Bretagna dove il diritto di famiglia delle famiglie islamiche è giudicato da tribunali di famiglia islamici, secondo la sharia e non secondo la legge inglese. Dobbiamo creare un’Europa dove sia impensabile che ginecologi maschi non possano seguire partorienti, cose sta normalmente succedendo nelle multiculturali Francia, Svezia e Gran Bretagna e nel multiculturale Belgio. Dobbiamo creare un’Europa dove sia impensabile che siano equiparate alle scuole pubbliche scuole private dove si insegna l’inferiorità biologica ed etica della donna rispetto all’uomo, come normalmente avviene nelle multiculturali Gran Bretagna, Belgio e Norvegia. Dobbiamo creare un’Europa dove sia impensabile che donne non islamiche siano costrette a indossare il velo islamico quando entrano nei quartieri islamici, come le poliziotte inglesi, alle quali già da due anni è stato assegnato il velo islamico d’ordinanza. Dobbiamo creare un’Europa dove non sia pensabile che donne non islamiche, come le addette alla sorveglianza e al salvataggio di piscine pubbliche, statali o comunali, le bagnine, siano costrette a indossare indumenti che le coprano interamente, inclusa la testa, il cosiddetto burkini, nelle ore in cui la piscina è di utenza islamica.
3- la cultura che afferma la parità di dignità indipendentemente dalla religione, e che sia quindi impensabile che alcuni siano ritenuti inferiori da altri, infedeli, e quindi privi del rispetto, e che l’autorizzazione alla mancanza di rispetto venga insegnata non solo in scuole coraniche, ma addirittura in scuole di centri islamici parificate , come avviene attualmente nella scuole islamiche in Gran Bretagna, Belgio e Norvegia, dove vengono usati libri di testo che sanciscono l’inferiorità e la malvagità del popolo ebraico e di tutti i suoi appartenenti. Queste scuole sono in tutto e per tutto parificate alle scuole statali.
4- la cultura che afferma l’integrità della persona umana, e che vieti qualsiasi mutilazione. Dove quindi sia espressamente vietato che in scuole private islamiche parificate venga insegnato il taglio della mano e del piede ai ladri, con libri di testo editi in Arabia Saudita come sta attualmente accadendo in Gran Bretagna e Belgio.
5 La cultura dell’Europa, quella cui tutti devono integrarsi, è la cultura che garantisca il diritto della adultere a non essere lapidate. Sapete anche io ho ritenuto per anni, era questa la vulgata corrente, che la convivenza fosse possibile, anzi auspicabile, che multiculturalismo fosse una bella parola. Ricordo qualche anno fa, alla televisione della Svizzera Francese un signore distinto che parlava un francese impeccabile, Hari Ramadan, fratello del più noto Taric, spiegare che la lapidazione dell’adultera è una necessità, una necessità dolorosa, certo, una pratica penosa, certo, ma indispensabile. I commentatori svizzeri annuivano gravemente. Mi sono resa conto che il distinto signore con il suo impeccabile francese parlava anche di me. Prima di sposarmi io e il amato marito, abbiamo fatto qualche birichinata: i rapporti prematrimoniali sono adulterio, e restano adulterio anche se poi ci siamo sposati. Quindi anche io rientro nel numero delle adultere. Il distinto signore spiegava come sia giusta la mia morte e i due idioti annuivano. Bene signori, la mia spassionata opinione è che chiunque trovi corretta la mia esecuzione è un maledetto e ridicolo cialtrone e come tale vada trattato. Voi siete disposti a tollerare la mia lapidazione? No? E allora anche voi siete contrari al multiculturalismo.
Alziamoci in piedi e gridiamolo. Gridiamolo insieme agli intellettuali islamici, quelli veri Salman Rushdie, Hirsi Ali, Chahdortt Djavann, Souad Sbai: sono tutte persone che girano con la scorta e rischiano la vita e ci informano come il delirio multiculturalista stia condannando a morte i dissidenti dell’islam e la loro speranza di vivere liberi.
La cultura dell’Europa, quella cui tutti devono integrarsi, è la cultura che garantisce il diritto di una donna di scegliere il proprio sposo e dato che la scelta è una capacità adulta, la sposa deve essere una donna e non una bambina. La cultura dell’Europa, quella cui tutti devono integrarsi, è la cultura che vieta lo stupro. Stupro è anche l’introduzione del pene di un uomo nella vagina di una donna o, peggio, di una ragazzina o di una bambina con il consenso dei genitori di lei, dell’iman, della cognata, dei cugini, dei fratelli, of course, ma non della proprietaria della vagina. Quando la proprietaria della vagina non è contenta, non consenziente, si chiama stupro. La cultura europea cui TUTTI coloro che hanno l’onore di mettere i piedi su questo continente devono uniformarsi, altrimenti sono invasori e non immigrati, afferma che si sposino donne, e non bambine, e che siano consenzienti. Non deve succedere come normalmente succede su suolo italiano che una quattordicenne nata in Italia, dopo l’esame di terza media sia data in sposa a un cugino pachistano mai visto prima. Non deve succedere, come sta succedendo nella multiculturale Gran Bretagna che centinaia di bambine di 8 anni siano già spose, e vadano a scuola con la divisa scolastica, gonna scozzese, camicia bianca e velo, che copre lo scempio di una deflorazione oscena e ignobile.
La cultura dell’Europa, quella cui tutti devono integrarsi, è la cultura che garantisce il diritto di seguire la propria fede e dichiarare le proprie idee senza essere minacciati di morte, diritto negato a tale signor Ratzinger, by the way il capo della cristianità cattolica, condannato a morte da ben più di una fatwa dopo il discorso di Ratisbona. Quel discorso è stato pagato lacrime e sangue. E l’infinita schiera degli aspiranti servi, il termine corretto è dhimmi, lo ha definito provocatorio. Stupidamente provocatorio. Follemente provocatorio. In quale parte della Dichiarazione dei Diritti dell’’Uomo è scritto che è buona cosa limitare la libertà di parola per non offendere la suscettibilità altrui? Da quando la suscettibilità è un diritto umano? A proposito del discorso di Ratisbona, amati colleghi, voi ricordate che l’intellettuale francese Robert Redeker per un unico articolo pubblicato su Le Figaro è stato condannato a morte da cittadini islamici, tutti di seconda o terza generazione, e deve vivere come un fantasma, esattamente come di seconda generazione erano i criminali assassini che hanno guidato gli aerei l’11 settembre, l’assassino di Theo Van Gogh, gli assassini di Londra?
L’assassinio di Theo Van Gogh: vogliamo parlarne? L’80 % degli iman delle moschee europee ha approvato esplicitamente quell’assassinio. Il restante 20 % ha affermato che se esistesse una legge che punisce penalmente chi osa mancare di rispetto all’islam, il doloroso episodio sarebbe stato evitato.
E adesso arriviamo al punto. Je suis Charlie. Il periodico francese ha dichiarato che si rinchiude nell'autocensura. Non toccherà più l'islam. Si sfogheranno sul cristianesimo. Je suis Charlie ha squittito l'Europa, che si è ben guardata di dire Je suis Theo Van Gogh, Benedetto XVI , Asia Bibi. Je suis Charlie, sottomesso all'silam, pieno di protervia e violenza contro il cristianesimo e di viltà per l'islam.

Moi je ne se suis pas Charlie, io sono Silvana De Mari, disposta a morire per affermare che l'islam non è una religione di pace , ma di guerra, di odio all'uomo e alla libertà.

Silvana De Mari

Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Monday 27 July 2015 - 11:10:09
email to someone printer friendly
A proposito di multiculturalismo
venerdì 8 maggio 2015

L'economista indiano Amartya Sen, premio Nobel per l'economia nel 1998 e professore alla Harvard University, ha scritto:

" Il valore che la diversità può avere, in termini di libertà, deve dipendere proprio da come viene determinata ed affermata. Se in una famiglia conservatrice di immigrati in Inghilterra una ragazza vuole uscire con un ragazzo inglese, la sua scelta non può essere biasimata appellandosi alla libertà multiculturale. Al contrario, il tentativo dei suoi tutori di impedirglielo (cosa che accade spesso) non è affatto un atteggiamento multiculturale, dal momento che è volto a tenere le culture separate, in quella che si potrebbe definire una "pluralità di monoculturalismi". Eppure è la proibizione dei genitori che oggi sembra suscitare le simpatie dei devoti multiculturalisti.
[...]
Essere nati in una particolare comunità non è di per sè un esercizio di libertà culturale, dal momento che non è una scelta. Al contrario, la decisione di restare saldamente all'interno della tradizione sarebbe un atto di libertà se la scelta fosse fatta dopo aver preso in esame diverse alternative. Nello stesso modo, la decisione di allontanarsi, di poco o di molto, da schemi di comportamento tradizionali, presa dopo un'attenta riflessione, sarebbe anch'essa un atto di libertà multiculturale.
[...]
E' importante riconoscere che il primo successo del multiculturalismo inglese era legato al tentativo di integrare, non di separare. Concentrarsi sul separatismo, come si fa ora, non è un contributo alle libertà multiculturali, ma è il suo opposto."

( A. Sen, Confusione illiberale, trad. it. di M. Sepa, da "Il corriere " del 23 agosto 2006

Mastro Cecco

Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Sunday 11 January 2015 - 15:57:46
email to someone printer friendly
Bat Ye'or: l'islamizzazione dell'Europa
Nella conferenza sull’antisemitismo e la delegittimazione di Israele organizzata all’Università Ebraica di Gerusalemme dal prof. Robert Wistrich (26-28 maggio 2014), Bat Ye’or ha parlato dell’islamizzazione politica dell’Europa e dei segnali positivi delle ultime elezioni europee, per la crescente opposizione al progetto europeo. L’islamizzazione dell’Europa secondo lei non è solo il crescente numero di musulmani nei Paesi europei ma anche una certa mentalità politica che si sta diffondendo in Europa.

L'intervista di Giovanni Quer


Può spiegare cosa intende per islamizzazione dell’Europa?

L’islam costituisce un insieme concettuale teologico e giuridico coeso che si oppone in ogni ambito all’evoluzione del pensiero occidentale. Questa opposizione è stata formulata e imposta dai compilatori della Sunna (il corpus giuridico islamico) che si fondarono su dei versetti specifici del Corano che impediscono ai musulmani prestiti o rielaborazioni di tratti culturali degli ebrei e dei cristiani, proibendo anche lo sviluppo di rapporti amichevoli tra musulmani e cristiani o ebrei. Le decisioni politiche dei leader dell’Unione Europea sotto pressione del terrorismo internazionale palestinese negli anni ’60 e ’70 e a causa dell’incitamento della Francia, hanno portato l’allora CEE ad adottare le concezioni politiche conformi al pensiero islamico, elaborate dalla Lega Araba e da altre potenti organizzazioni come la Lega Islamica Mondiale e l’Organizzazione della Conferenza/Cooperazione Islamica. Tali concezioni si fondano su interpretazioni teologiche e storiche dell’Islam che rifiutano la cultura razionalista occidentale e giudeo-cristiana, proponendo la superiorità dell’Islam sulle due altre religioni monoteistiche e la giustificazione legale e teologica del jihad. La decisione di allineare la politica della CEE/UE alle posizioni islamiche si integra in una strategia di fusione islamo-cristiana fondata sul mito di un Islam tollerante e civilizzato, vittima delle aggressioni dei crociati e di un cristianesimo imperialista e razzista, così come vittima delle aggressioni di Israele. Il ricorso alla politica multilaterale e al multiculturalismo permise alla Commissione Europea, attraverso le proprie reti transnazionali, di diffondere in tutta l’Unione le concezioni vittimistiche islamiche che colpevolizzano Israele e l’Occidente. La Fondazione Anna Lindh, creata nel 2003 su richiesta di Romano Prodi, allora presidente della Commissione Europea, fu incaricata di sottacere qualsiasi critica anti-islamica che potesse mettere in dubbio i fondamenti dell’elaborazione di tale civilizzazione mediterranea. Per sormontare le difficoltà e definire la progressione di questa politica, la cultura euro-islamica è stata imposta uniformemente in tutta l’Unione. La legge islamica sulla blasfemia, che proibisce qualsiasi critica non solo di Dio, ma anche di Maometto, della shari’a, degli hadith e dell’Islam, è ora integralmente applicata in Europa. Quanti esprimano opinioni critiche dell’Islam sono perseguiti dai propri governi nelle aule di tribunale, o spogliati delle loro funzioni se insegnano la storia secondo una versione contraria alla narrativa islamica. La versione islamica dei diritti dell’uomo (la Dichiarazione del Cairo dei Diritti dell’Uomo nell’Islam adottata nel 1990), i cui articoli sono conformi alla shari’a, si sostituisce alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Il regime internazionale dei diritti umani che si fonda sulla Dichiarazione Universale è stato violato sin dagli anni ’70 e ’80 dagli ambigui accordi ufficiosi degli Stati europei con i terroristi dell’OLP contro gli ebrei europei – accordi rivelati di recente da Francesco Cossiga che occupò varie cariche nel governo di sinistra in Italia. La protezione dei terroristi sul territorio europeo, cui si è accompagnata un’intensa propaganda che giustificava la loro “giusta causa”, come l’idea dell’innocenza palestinese e la nazificazione di Israele, nega agli ebrei europei il diritto fondamentale ed essenziale di ogni individuo alla vita e alla sicurezza. Tale disconoscimento, che ha inizialmente colpito gli ebrei, si è poi esteso al resto dell’Europa, poiché il jihadismo causa uno stato di insicurezza permanente contro gli europei, che è la pietra angolare del regime della dhimmitudine cui sono soggetti ebrei e cristiani. Le leggi della shari’a si applicano egualmente anche agli apostati musulmani e ai musulmani emancipati in Europa. È innegabile che l’immigrazione islamica di massa, voluta, approvata e incoraggiata dai leader dell’Unione Europea, abbia definitivamente islamizzato la cultura, l’istruzione, la giurisdizione e la politica dell’Europa. Questa politica demografica è frutto della strategia dell’unione mediterranea, che s’inserisce in continuità con la storica alleanza negli anni ’30 e ’40 del nazismo e del fascismo italiano con il mondo arabo, con la fratellanza musulmana e soprattutto con la sua fazione palestinese rappresentata da Amin al-Husseini. Non ci si deve quindi sorprendere se tutta la strategia dell’unione mediterranea si fonda e si sviluppa sulla distruzione e la delegittimazione dello Stato di Israele e sulla sua sostituzione con una Palestina islamica e jihadista sostenuta e sovvenzionata quasi esclusivamente dall’Unione Europea e dagli Stati europei. Inoltre i padri fondatori di questa politica che riprende il progetto nazista, sono stati ingaggiati tra i politici, gli intellettuali, i giuristi e i funzionari che collaborarono con il nazismo nei Paesi occupati. Questo spiega anche il silenzio sul collaborazionismo dei musulmani d’Europa, albanesi e bosniaci, con l’Asse e dei Paesi arabi con gli eserciti nazisti. È questa stessa collaborazione che si ripresenta nell’alleanza euro-araba fondata sulla sostituzione di Israele con la Palestina e sulla campagna del BDS (boicottaggio, disinvestimento e sanzioni) imposta agli europei dall’Unione Europea .

Alla conferenza organizzata dal prof. Wistrich si è parlato delle organizzazioni cristiane anti-sioniste. Quali sono le conseguenze dell’avvicinamento delle Chiese cattoliche, ortodosse e protestanti all’Islam attraverso il dialogo islamo-cristiano?

L’avvicinamento antisionista delle Chiese all’Islam propugnato dal dialogo islamo-cristiano si fonda sul Palestinismo, una dottrina jihadista che avanza la narrativa coranica della Bibbia, ossia l’interpretazione musulmana delle origini e della storia del Popolo di Israele e del cristianesimo. Secondo questa narrativa, i personaggi della Bibbia erano tutti musulmani, compreso Gesù che, egli stesso profeta musulmano (in arabo, Issa), distruggerà alla fine dei tempi il cristianesimo biblico. Il Corano sostiene che il cristianesimo di Gesù ebreo, come raccontato nei Vangeli, è una falsificazione del vero cristianesimo che si fonderebbe invece sul profeta musulmano Issa, che sarebbe quindi l’Islam. Questa tendenza, che io definisco “islamo-cristianesimo”, mira a sradicare le origini ebraiche del cristianesimo, cioè degli evangelisti ebrei e di Gesù quale ebreo di Giudea, per fare di Issa palestinese e coranico l’origine del cristianesimo. Tale processo politico e teologico è concepito e promosso dai teologi cristiani palestinesi, arabi ed europei. È la “teologia della liberazione palestinese”, che si articola sulla delegittimazione della sovranità d’Israele, la cui storia antica è negata e attribuita ai palestinesi, sulla sostituzione di Gesù ebreo con Issa arabo e musulmano, presentato come l’incarnazione della sofferenza palestinese inflitta dai nazisti israeliani. In breve, si tratta di una vera e propria inversione della realtà se si considera che la “Palestina” collaborava con Hitler. Il palestinismo, cioè l’ideologia della sostituzione di Israele con la Palestina, costituisce una strategia d’islamizzazione teologica del cristianesimo che ha origine nel nazismo e nel marcionismo della prima Chiesa cristiana. Questo movimento creato dai cristiani arabi in Palestina, promosso dalle Chiese d’Europa e degli Stati Uniti, incoraggiato e sostenuto dalla politica occidentale anti-israeliana e dall’OCI (Organizzazione della Conferenza Islamica), si è diffuso in tutto l’occidente e si manifesta nei musei e in tutta la cultura e politica occidentale. È così che il “palestinismo” è divenuto la vera religione dell’Europa, che si mobilita totalmente in favore dei jihadisti palestinesi, schernisce Israele e con indifferenza ignora i massacri dei cristiani nei Paesi musulmani. Il “palestinismo” teologico e politico, fondamento dell’intesa tra l’Islam e l’Occidente, costituisce uno degli aspetti più evidenti dell’islamizzazione dell’Occidente. È importante notare che il palestinsimo è sostenuto dai leader europei che, per avvicinarsi all’Islam, vogliono liberarsi delle origini ebraiche del cristianesimo, come altro retaggio del nazismo.

Nel suo intervento lei ha espresso un certo ottimismo, sostenendo che gli europei si stanno risvegliando. In particolare è sua opinione che i risultati delle elezioni parlamentari europee siano un segnale positivo. Può esporre la sua opinione?

Sono ottimista perché posso constatare un rifiuto degli europei dell’elitismo dittatoriale e arbitrario dell’Unione Europea. Quest’organizzazione, e i suoi leader del Consiglio Europeo, è responsabile dell’islamizzazione dell’Europa, dell’immigrazione di massa, della crisi economica, dell’insicurezza, e del fallimento delle istituzioni democratiche degli Stati membri. Il voto di rifiuto e di protesta esprime una presa di coscienza dei pericoli che minacciano la democrazia, i diritti dell’uomo, le identità culturali e storiche che costituiscono l’Europa e i valori della civilizzazione giudeo-cristiana, aggredita dal palestinismo islamo-cristiano e jihadista promosso dalla Commissione Europea e dal Consiglio Europeo. Sta avanzando un clima rivoluzionario, che può portare a conseguenze positive come negative, pertanto si deve stare vigili.

Lei non condivide le preoccupazioni dell’ascesa dell’estrema destra, in riferimento alle visioni nazionaliste e sociali, e in particolare è sua opinione che la definizione “estrema destra” non sia più attinente al contesto contemporaneo. Come definisce i movimenti che comunemente si chiamano “di destra”?

Queste definizioni appartengono al XIX e al XX secolo, e ai conflitti economici e sociali degli Stati-nazione dovuti all’industrializzazione, all’avanzamento della modernità e allo sfruttamento della classe operaia spogliata di diritti. Non sono più attinenti all’era della globalizzazione e del jihad mondiale, che minaccia i pilastri stessi della civiltà. Il XXI secolo sarà testimone della battaglia dell’Europa contro la dhimmitudine ed è in questo ambito che si determineranno gli schieramenti e le battaglie. Questa guerra è stata imposta agli europei da una strategia occultata dall’alleanza con l’OCI e in seguito adottata dai partiti di destra e di sinistra dell’Unione Europea negli ultimi quarant’anni. L’Europa attuale, l’Eurabia, ne è il risultato, ed è contro tutto ciò che gli europei si stanno rivoltando. Per giustificare le sue scelte politiche, l’Unione Europea è palesemente imprigionata in una rete di menzogne, rinnegazioni e miti imposti dall’OCI, che stanno lentamente cedendo sotto i colpi della realtà e dello jihadismo terrorista. La mondializzazione, i circoli politici e gli enormi flussi finanziari provenienti dagli Stati petrolieri del Golfo persico, la politica dei blocchi transnazionali come l’Unione Europea e l’OCI, il potere assoluto delle organizzazioni internazionali mondiali instaurano un ordine de-umanizzato in cui i poteri occulti privano l’individuo delle libertà e dei diritti fondamentali essenziali. La rivolta alle urne contro l’Unione Europea esprime la disperazione e l’ansia degli individui, stremati dall’indifferenza e dal totalitarismo di una macchina infernale da cui sono oppressi. È questa stessa organizzazione che ha mondializzato l’antisionismo. Ho analizzato il suo funzionamento nel mio libro Verso il Califfato Universale, Lindau 2008 ( titolo inglese: Europe,Globalization and the Coming Universal Caliphate, 2011). È in questo momento critico che il presidente Obama, fedele alle sue origini islamiche, vuole riprendere, in assenza del comunismo, la guerra contro l’Occidente ortodosso attraverso l’Ucraina. Quest’impresa folle non è che una distrazione dal pericolo del terrorismo jihadista mondiale di cui tutto il mondo parla, distruggerà l’Occidente che dalla seconda guerra mondiale si è fondato sulla condanna e sul rifiuto della guerra. Dopo essersi allietato nel fomentare le primavere arabe che hanno lasciato centinaia di migliaia di vittime, per poter potare al potere i suoi amici salafiti e wahhabiti, Obama si rivolge ora a un’Europa riunita e traumatizzata per seminare il caos e la guerra. Non dobbiamo dimenticare che l’islamismo si è sviluppato proprio grazie alla guerra americana contro il comunismo. È stata la CIA che ha creato i Talebani in funzione anti-sovietica, che hanno poi inflitto innumerevoli sofferenze alle popolazioni afgane e pachistane. L’Europa per sua parte non è rimasta inerte, mentre i suoi pontefici dalle mire politiche sostenevano l’istruzione dei giurisprudenti e teologi più retrogradi diffusa nelle madrasse, avvolti nella speranza di poterla diffondere in tutta Europa. Ho riportato nel mio libro Eurabia le loro digressioni strampalate (Eurabia, Lindau: 2006, pp. 293-299). Sono il' jihad e la dhimmitudine che, riproponendosi con forza, determineranno le battaglie del XXI secolo, e non gli antagonismi definiti dalla destra e dalla sinistra dei secoli passati. Chiunque ignori questa realtà non può comprendere gli eventi, e ne sarà travolto.

Category: IoStoConOriana.it Posted by: La Redazione on Monday 16 June 2014 - 19:16:57
email to someone printer friendly


  IoStoConOriana
su Facebook!

  IoStoConOriana
Informazioni sul sito

  Data e ora
 

  Cerca Io Sto Con Oriana


  Cerca con Google
Google

  Benvenuto/a

Nome utente:

Password:


Login automatico


  Link sponsorizzati







  Compatibilità W3C
Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!


Fasturl.it Scambio banner



All trademarks are © their respective owners, all other content is © e107 powered website.
e107 is © e107.org 2002/2003 and is released under the GNU GPL license.
Disclaimer:
Il presente sito ha come unico scopo quello di riunire le persone che credono nelle idee espresse dalla nota scrittrice.
Oriana Fallaci non è in alcun modo responsabile dei contenuti ivi espressi.