Logo


News: : I pensieri di Ida Magli su Europa, Islam, Immigrazione
(Categoria: IoStoConOriana.it)
Scritto da pierlu
Saturday 21 November 2015 - 10:09:42

Magli è deceduta ieri, domenica 21 febbraio, nella sua casa di Roma. Rinnegata femminista, polemista antieuropeista, convinta antislamista, Magli “viveva con un pugno di riso”, ha ricordato Guerri sul Giornale. Diplomata in pianoforte al conservatorio di Santa Cecilia, l’antropologa ha vissuto in una continua “fuga bachiana”. Docente universitaria, abbandona l’insegnamento perché contraria all’esclusività femminile di questo impiego. Firma delle pagine dell’Espresso e di Repubblica, lascia i “giornali della intellighentia pur non avendo alternative, senza essersi assicurata altre collaborazioni, per protesta contro la mancata pubblicazione di alcuni articoli”, sempre secondo Guerri. Magli quindi approda al Giornale anche se “mal sopportava che le si appiccicasse l’etichetta di destrorsa, pur sapendo di vivere in una gigantesca fabbrica di etichette”.

Dunque Islam, Europa e immigrazione. La parola a Ida Magli.


ISLAM

“Dobbiamo limitare l’ingresso in Italia ai musulmani, oppure l’Italia sarà perduta. Dobbiamo difendere la nostra libertà di pensiero, le conquiste delle donne, dobbiamo ricordare la fatica che abbiamo fatto per difendere i nostri diritti: ma come, abbiamo appena cominciato ad emanciparci dai nostri veli, dalle nostre velette, e ammettiamo che si torni indietro di secoli”, scriveva Magli nel 2006, tra le pagine di Gesù di Nazaret. “L’unica vera battaglia in atto nel mondo è quella dei credenti musulmani nei confronti di tutte le altre società, battaglia ovunque vittoriosa perché i popoli aggrediti o si sottomettono o scappano. L’islamismo è conquista” perché, secondo Magli, “il cosiddetto dialogo interreligioso è un fatto da tavolino, di spirito tipicamente occidentale” che quindi non può cambiare il modo di vivere musulmano “regolato dai precetti dettati dal Corano, che impregneranno l’ambiente europeo”.

E da qui l’angoscia nata ben prima dei fatti di Parigi: “Per quanto tranquille possano essere oggi le comunità musulmane esistenti in Francia (così come in Spagna, in Italia, in Germania), verrà il momento in cui, mano a mano che le presenze musulmane diventeranno non soltanto molto numerose, ma consapevoli del loro essere vincenti, l’Occidente sarà costretto a risvegliarsi dalla sua stupida neghittosità e si accorgerà, ma sarà troppo tardi, di trovarsi sotto il piede islamico”.

“L’Italia è perduta. L’Europa, con tutta la sua storia, la sua cultura, il suo pensiero, i suoi poeti, i suoi scrittori, la sua arte, la sua musica, i suoi figli, è perduta. Sono perdute – scriveva Magli nel saggio Contro l’Europa, pubblicato 17 anni fa – perché questa era la meta che si erano prefissi coloro che hanno progettato l’Unione europea. Distruggere l’Occidente affinché si realizzasse sulla nostra terra lo scontro e la vittoria (vittoria sicurissima) dell’Oriente musulmano contro l’America”. Ma l’antropologa era inquietata non solo dalla questione islam-Europa, e da quella “intrinseca necessità di conquista che sottende il musulmanesimo”; il rapporto Italia-Unione Europa era, forse, ancor più grave.

EUROPA

“Aprirai un conto corrente. È questo l’undicesimo comandamento; non avrai altro Dio all’infuori di me… Andrai nella tua banca ogni mattina, che è la tua chiesa, e quei pochi soldini li verserai lì, così che il governo possa controllare se davvero li adoperi soltanto per mangiare”, si legge su Dopo l’Occidente, pubblicato 2012, ma l’antropologa iniziò la sua battaglia contro l’Unione Europea quasi 10 anni prima, “all’inizio degli anni Novanta, battendosi quasi da sola, mentre tutti la sbeffeggiavano per questo, prima di cominciare a rendersi conto delle sue molte ragioni”, ricorda Guerri.

“La moneta unica è fallita perché non poteva non fallire in quanto strumento di un’Europa che non esiste e che non può esistere – scriveva Magli su Italianiliberi.it – L’Ue non è uno Stato, il parlamento europeo è un finto parlamento in quanto rappresenta uno Stato che non esiste e difatti non legifera se non marginalmente. Le decisioni, come è noto, le prende la Banca Centrale europea, il Consiglio o, a piacere, la Merkel insieme a Hollande. Tutto è “finzione” di ciò che è stato costruito sotto il nome di Unione europea, ma la finzione era indispensabile, sia perché unificare politicamente le nazioni più progredite del pianeta era (e rimane) un’idea assurda, sia per soddisfare i politici dei vari Stati i quali possiedono così una miriade di poltrone, di stipendi, di benefici e il gusto della grandeur: Alto Rappresentante, ecc. ecc., non vi fa ridere?”. Ma a chi si chiede se Magli credesse davvero possibile l’uscita dall’euro, lei, oggi, risponderebbe così: “Non c’è nessuna speranza di poter abbandonare l’euro o uscire dall’Europa perché, appunto, ai politici non conviene, non intendono farlo, e hanno anche paura dei poteri massonici di Bruxelles. Non mi sembra che dica esplicitamente di uscire dall’Europa neanche la Lega e comunque non avrebbe la maggioranza per poterlo ottenere. Dei referendum proposti da Grillo è inutile parlare: sono promesse al vento e per giunta in malafede. Non mi sembra che abbiano cambiato la Costituzione che lo vieta in materia di politica estera e fiscale, quindi il referendum non si può fare”.

IMMIGRAZIONE

I pensieri di Magli sull’immigrazione erano altrettanto duri. Come si legge nelle le pagine di Dopo l’Occidente “il politicamente corretto costituisce la forma più radicale di lavaggio del cervello che i governanti abbiano mai imposto ai propri sudditi”. Nel 2008 Ida Magli affermava: “I «confini» esistono e sono sempre esistiti, in ogni tempo e in ogni luogo, perché delimitano la sacralità dello spazio nel quale vive un determinato gruppo di uomini. Chi non sa che si deve mettere i piedi in un solco d’acqua per attraversare il confine di alcuni stati? L’acqua segnala appunto la necessità di una purificazione per entrare nel territorio altrui. Ma anche il «tappetino» davanti alla porta di casa segnala, sotto la debole razionalizzazione del pulirsi le scarpe, la sacralità del nostro territorio”. E sulla crescita del numero degli sbarchi e quindi del numero di immigrati in Italia, scrive: “La presenza sempre più massiccia di tanti popoli stranieri, portatori di ‘distanze’ , di ‘toni di voce’, di mimiche molto differenti da quelle italiane e percepite da ognuno nei significati della rispettiva lingua come ‘aggressive’, ‘offensive’, ‘sprezzanti’, ‘pericolose’, ‘fredde’, ‘prive di rispetto’ eccetera, ha contribuito, nella forma più silenziosa e nascosta, al dubbio, all’incertezza, allo sgretolarsi della fiducia in se stessi, e nella propria civiltà da parte dei cittadini europei”.

Eppure, per l’antropologa, un motivo di speranza c’era: “Questa è la grandezza degli italiani: aver continuato a pensare sempre, a creare sempre, perché soltanto l’intelligenza sa di essere libera, quali che siano le coercizioni esteriori. Sa che la grandezza dell’Uomo è nel pensiero, e sa che c’è sempre almeno un altro uomo che lo afferra e lo trasmette”.



Questa News è tratta da:Io Sto Con Oriana
( http://www.iostoconoriana.it/e107/comment.php?comment.news.comment.211 )